Francesco Guccini, “perso dietro le nuvole e la poesia”
Cronistoria di una giornata con il grande cantautore

16 maggio 2011  |  di  |  Pubblicato in In evidenza (B), Slider  |  2 Comments

In Rettorato

Entro trafelato nell’ufficio del Rettore. Francesco Guccini e i suoi due metri d’altezza sono raggomitolati su di una comoda poltrona alla destra della grande scrivania in legno. Il Maestrone è un po’sbalzato, con la gota vermiglia. Ascolta le domande incalzanti dei giornalisti della stampa e delle tivù: sprizzanti di materiale tecnologico e cavi coassiali. E’ in procinto d’alzarsi e darsela a gambe, ma, come se fossimo in una grande climax discendente che a vortice parte dagli alti poteri mediatici per arrivare ai giovani sbandati dalla barba silvestre, m’insinuo col mio quadernetto nella calca cibernetica e, submissa voce, chiedo:

Scusi, potrei farle una domanda?

“Beh, se è una…”, risponde il Maestro. Lo guardo. Non mi guarda. Poi, occhio di lince, sbircia nelle pieghe del quadernetto e commenta: “Più che una domanda, mi pare una tesi”. Ridono gli astanti.

Il significato politico di una canzone come La locomotiva va per spegnersi, ma il suo incanto lirico rimane. Che l’evento estetico sia più forte dell’ideologia? Mi guarda inquieto ma ravvivato.

Non capisco perché il significato politico vada per spegnersi.”

No, perché ascoltandola a casa…

“Ascoltarla in pubblico è differente che sentirla da soli, in uno sgabuzzino. La canzone ha diverse vesti, ognuna a seconda del modo e del luogo in cui ci si trova”.

Il ragionamento fila, effettivamente. E, buggerando con rara impunità il mio precedente detto circa la sobrietà numerica delle domande, chiedo ancora:

Perché, a suo giudizio, i giovani d’oggi chiamano ‘poeti’ grandi cantautori come lei, De Andrè, Dylan? La nostra è forse una generazione senza poeti né poesia?

“Ci sono tanti modelli di poesia. La canzone è soltanto uno di questi; essa rimane comunque un’espressione viva del ‘poetico’”.
Al che, preso definitivamente coraggio, ribatto con un interrogativo che ho posto a chiunque, non ultima mia nonna.

Secondo il filosofo Albert Camus ‘verrà il giorno in cui le rivoluzioni avranno bisogno della bellezza’. Crede davvero ciò possa avverarsi?

“E’ una domanda troppo impegnativa, – dice sorridendo – è difficile poter rispondere così, senza pensarci”.
Pensarci, infatti. Inchiodarsi ai propri pensieri. Difficile se si è persi a cercar per sempre quello che non c’è.

Francesco Guccini, “perso dietro le nuvole e la poesia” — Fotografia di Donatello Trisolino

Francesco Guccini, “perso dietro le nuvole e la poesia” — Fotografia di Donatello Trisolino

A Magistero

Francesco Guccini entra, tra gli applausi, con passo felpato nell’Aula Magna del Magistero gremita di studenti.

“E’ la prima volta che il Consiglio degli studenti si fa promotore d’iniziative culturali”, dichiara con orgoglio il presidente Stefano Paternò nel discorso introduttivo di fronte al pullulare della gioventù. Sunto e corollario della sua arringa è un celebre verso di Eskimo (“bisogna saper scegliere in tempo, non arrivarci per contrarietà”), che assurge a chiaro segnale d’incoraggiamento contro l’accidia e il disimpegno nella politica studentesca. Poi è la volta del Magnifico Rettore Stefano Pivato, il quale, ripercorrendo con giustezza la trame storiche della canzone italiana dal Risorgimento ad oggi, cerca di focalizzare l’attenzione su ciò che, musicalmente parlando, fornì materia salda e duratura all’identità del Paese. Di fatti l’intento esplicito dell’incontro è quello di “celebrare l’anniversario di una nazione attraverso le canzoni” e, a tal proposito, il rettore Pivato percorre la fondamentale svolta artistica avvenuta nei primi anni Sessanta per grazia della ‘Scuola Francese’ e di ‘Cantacronache’, che rinnovarono il cantautorato patrio, decaduto nel secondo dopoguerra in un “provincialismo deprimente”, fino a mutarne radicalmente i moduli stilistici e contenutistici. Testimone autorevole del cambiamento fu proprio il primo Guccini, che in quegli anni scrive brani le cui “tematiche non erano mai state affrontate”.

“Il reale accenno rivoluzionario, prima ancora della canzone tradizionale francese, fu l’arrivo del rock’n’roll in Italia. Alcuni critici sostengono che il primo impulso lo si ebbe con Modugno, ma io credo che il vero shock lo avemmo ascoltando Elvis Presley e poi Dylan”, precisa il Maestrone, sottolineando come l’America, tanto ammirata e vagheggiata da bambini, fosse tornata, attraverso la musica e i moti sessantottini, con una veste più seria e profonda.

Interpellanze d’ogni genere rimbalzano, dunque, dalle due parti. Pivato allude alla splendida Primavera di Praga. Paternò tira in ballo i movimenti studenteschi. Guccini s’infiamma. Tiene banco con battute, aneddoti, reminiscenze. Il pubblico sorride sotto i baffi e tace incredulo quando narra, con particolari dal sapore biblico, di come scrisse La locomotiva in venti minuti netti.

Ma pian piano anche il bollore si spegne. L’infervorarsi si placa. Una pioggia di studenti e studentesse, come Erinni ingrifate, braccano l’omone, che ha fatto a tempo a sprofondare ancora nei suoi pensieri. Concede di buona lena autografi e foto patinate. Si mette addirittura in posa. Ma niente. Non c’è modo di riportarlo alla realtà. E’ ormai lontano: perso dietro le nuvole e la poesia.


Fotogallery a cura di Donatello Trisolino

Francesco Guccini, “perso dietro le nuvole e la poesia” — Fotografia di Donatello Trisolino

Francesco Guccini, “perso dietro le nuvole e la poesia” — Fotografia di Donatello TrisolinoFrancesco Guccini, “perso dietro le nuvole e la poesia” — Fotografia di Donatello TrisolinoFrancesco Guccini, “perso dietro le nuvole e la poesia” — Fotografia di Donatello Trisolino

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011