Un altro mondo è possibile
La filosofia di David Kellogg Lewis nella città dell'Utopia

7 luglio 2011  |  di  |  Pubblicato in Post Opinion

L’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo (in particolare i Dipartimenti di Scienze della Comunicazione e di Scienze di Base e Fondamenti), in collaborazione con le associazioni culturali Analytical and Philosophical Explanations (Aphex); Società Italiana di Filosofia Analitica (SIFA);  Società Italiana di Logica e Filosofia della Scienza (SIFLS); Centro Interuniversitario di Ricerca in Filosofia e Fondamenti della Fisica; Young European Association of Sciences (YEAS); Centro Internazionale di Studi Interculturali di Semiotica e Morfologia ha  organizzato  per le giornate dal 16 al 18 Giugno il convegno in lingua inglese “Another World is Possible”:  Conference on David Lewis, rivolto a insegnanti di ogni ordine e grado, studenti universitari, dottorandi e dottori di ricerca (http://sites.google.com/site/conferencelewis/home)

Nel 2011 ricorre, infatti, il decennale della scomparsa del filosofo statunitense David Kellogg Lewis (1941-2001) ed il convegno ha voluto celebrare questo avvenimento organizzando due giornate di studi finalizzate ad offrire un’occasione di confronto e discussione sui temi connessi alle diverse aree di pensiero di Lewis. Filosofo  tra i grandi maestri del Novecento, Lewis ha lasciato un’eredità metodologica e di pensiero che ha segnato l’intera filosofia contemporanea, dalla logica, alla filosofia del linguaggio, all’epistemologia e alla filosofia della mente. Scopo del convegno è stato, pertanto, quello di  presentare il modo in cui la prospettiva di Lewis è stata recepita in Italia e nel mondo attraverso gli interventi di studiosi italiani e stranieri che si sono confrontati con il suo pensiero. I vari contributi hanno così cercato di dare una visione il più possibile articolata e, al di là di ogni intento meramente celebrativo, anche critica, contribuendo a uno scambio, a un dialogo proficuo e produttivo. In relazione alla complessità dei numerosi temi legati al pensiero di Lewis, il Convegno si è presentato come l’occasione per aprire un confronto interdisciplinare e comparato su un filosofo e un’opera che sono ancora oggi al centro di un rinnovato e accresciuto interesse. Soprattutto nell’ambito della cosiddetta filosofia analitica (ma non solo), gli ultimi anni hanno registrato una progressione nel numero di ricerche e di studi dedicati a Lewis.

Il convegno è stato articolato su cinque interventi di figure rappresentative dello scenario filosofico internazionale  (Andrea Bottani; Sònia Roca-Royes; John Collins; John Divers; Vincenzo Fano) e cinque sessioni su altrettanti temi specifici del pensiero di Lewis: Semantic and Convention; Mereology, Properties and Persistence; Counterfactuals; Modality and Possible Worlds; Causality and Time. E’ stato proposto un call for papers e per ogni tematica una Commissione Scientifica formata da studiosi di fama internazionale ha selezionato tre comunicazioni. Studiosi, dunque, provenienti da prestigiosi Atenei (come Columbia (New York) Bristol, Leeds e Nottingham (Inghilterra), Stirling, Aberdeen, St. Andrews (Scozia), Parigi, L’Università Jagellonica di Cracovia, Ginevra, e ancora Bergamo, Firenze, Pisa, Urbino e Roma per l’Italia) si sono confrontati ad Urbino in quello che è stato definito unanimemente “il più bel convegno tenutosi sull’argomento negli ultimi anni”, “un convegno di livello internazionale”.

Urbino, dunque, grazie al lavoro mirabile del gruppo APhEx; di docenti come Lella Mazzoli, Gino Tarozzi, Vincenzo Fano, Mario Alai; di giovani studiosi come Claudio Calosi, Giulia Giannini, Massimo Sangoi, Adriano Angelucci; di studenti come Laura Pezzi e grazie al supporto tecnico-amministrativo della Dott.ssa Claudia Mengacci e supporto logistico della Dott.ssa Paola Secchia, ha rinnovato il suo ruolo di guida internazionale negli studi filosofici.

Tutti gli abstract sono disponibili presso il sito del convegno:

http://sites.google.com/site/conferencelewis/abstracts

di
Pierluigi Graziani (Università di Urbino)
Stefano Vaselli (Università degli Studi di Roma “La Sapienza”)

Comments are closed.

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011