Il successo è questione di ritmo
Più di 90 allievi alla Scuola di metrica e ritmica greca

19 settembre 2011  |  di  |  Pubblicato in Fuori Urbino  |  1 Comment

Chi avrebbe mai immaginato che un corso di metrica greca (per di più estivo) potesse radunare ben novanta studenti provenienti da tutta Italia? Neppure gli organizzatori di questa coraggiosa iniziativa, tenutasi ad Urbino dal 5 al 9 settembre, hanno celato la propria sorpresa nel constatare un afflusso di iscrizioni spropositato rispetto alla modesta ventina auspicata in partenza. Un messaggio incoraggiante in tempi non certo facili per il settore degli studi classici, che mostra così di sapersi ancora proporre ai giovani attraverso iniziative di grande spessore culturale.

Il successo della prima Summer School of Greek Metrics and Rythmics, fortemente voluta da Liana Lomiento, allieva e collaboratrice di Bruno Gentili, ed organizzata dal Centro Internazionale di Studi sulla Cultura Greca Antica, dal Dipartimento di Scienze del Testo e da un valido comitato (Sandro Boldrini, Luigi Bravi, Maria Grazia Fileni, Giampaolo Galvani, Pietro Giannini, Antonietta Gostoli) conferma Urbino, già sede degli Studi Plautini, come centro propulsivo per la ricerca sulla metrica antica.

Dones amb instruments musicals (lira i aulos) - Sebastià Giralt

Dones amb instruments musicals (lira i aulos) - Sebastià Giralt

Gli apprendisti metricologi hanno seguito lezioni seminariali sulla colometria antica e moderna, hanno assistito agli interventi di autorevoli esperti nel campo della metrica, della musica e dell’arte antica, hanno preso parte a dibattiti e tavole rotonde e si sono dilettati a scandire le odi di Pindaro, i cori di Eschilo e di Aristofane.

Maniacali elucubrazioni da filologi? Non per chi ha partecipato. L’alto grado di preparazione offerto dal corso era infatti esplicitamente rivolto ad una presa di coscienza dell’importanza rivestita dall’ aspetto ritmico – musicale nella poesia antica e, soprattutto, ad un atteggiamento di rispetto nei confronti del testo e della tradizione manoscritta, secondo il messaggio da sempre proposto dal Maestro Gentili.

Entusiastiche le reazioni dei giovani partecipanti: “Sono molto soddisfatta dell’esperienza vissuta ad Urbino: il corso è stato interessante e coinvolgente, grazie a professori dai quali trasparivano in modo evidente una passione e un entusiasmo da cui non si poteva non essere contagiati”. (Maria Laura Palma, Università del Salento, Lecce).

Mi ha colpito il bel clima di partecipazione e confronto che si è creato tra gli studenti dei vari Atenei. Il successo di questa esperienza è la prova che la nostra università, pur in un periodo difficile per questi studi, è in grado di proporre iniziative di eccellenza che trovano ampio riscontro”. (Alessandra Amatori, dottoranda dell’Università ‘Carlo Bo’, Urbino).

“La scuola di metrica è stata un’esperienza davvero formativa. L’unione delle lezioni frontali con il lavoro seminariale dei laboratori è stata un’impostazione vincente. L’organizzazione di ogni singolo aspetto mi è parsa ottima e il clima che si respirava era quello della più viva cordialità e disponibilità. Un’iniziativa ottima che mi auspico possa essere rinnovata anche nei prossimi anni”. (Nadia Baltieri, Università degli Studi di Verona).

È quanto in effetti sta già annunciando, in preda a comprensibile entusiasmo, la responsabile scientifica Liana Lomiento: “L’esperienza di questa prima edizione è stata, dal mio punto di vista, che credo condiviso da tutti i colleghi che con me l’hanno organizzata o che vi hanno collaborato, straordinaria. Al di là della buona riuscita della scuola sotto il profilo didattico e scientifico, quello che particolarmente mi ha colpito è stata l’atmosfera di piena sinergia tra docenti e giovani (e anche giovanissimi) studenti, e la concentrazione verso il comune obiettivo dello studio. Credo si debba riflettere su questo risultato. Esso è incoraggiante, e di fortissimo stimolo a proseguire sulla via intrapresa. Siamo in effetti già al lavoro per l’organizzazione della prossima edizione”.

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011