Urbino incontra Perugia
Un gruppo di studenti al Festival internazionale di giornalismo

30 aprile 2013  |  di  |  Pubblicato in Tempo Libero

Il “best of” all’insegna della qualità informativa e della varietà dei contenuti ha acceso e infervorato l’evento internazionale dedicato all’informazione.

Ne ha dato piena prova il gruppo di studenti dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo che ha deciso di trascorrere tre giornate (25, 26 e 27 aprile) alla settima edizione del Festival internazionale del giornalismo, cogliendo l’occasione più propizia per inserirsi tra gli “atelier” allestiti sull’analisi dei media e della comunicazione politica. Del resto, per chi mastica giornalismo e studio dell’opinione pubblica quotidianamente non poteva esserci momento migliore per sperimentare l’attinenza delle discipline affrontate nei rispettivi dipartimenti accademici.

Harper Reed al centro con gli occhiali neri e alcuni studenti di Urbino

Harper Reed al centro con gli occhiali neri e alcuni studenti di Urbino

L’équipe di ventiquattro studenti partiti da Urbino, provenienti dalle aree di scienze politiche e di scienze della comunicazione, accompagnati dalla professoressa Anna Tonelli, docente di Storia contemporanea e Storia del giornalismo all’Università di Urbino, ha dato un’ottima prova di coinvolgimento all’interno dei numerosi spazi tematici curati dalla manifestazione.
D’altro canto, Perugia ha confermato la capacità di rispondere all’importante ruolo di piattaforma internazionale per quanto concerne la coordinazione di rassegne ispirate alle numerose voci d’attualità; senza ombra di dubbio, l’atmosfera eclettica del capoluogo umbro riesce perfettamente a congiungere le iniziative di carattere multimediale e specialista con i contenuti attinenti alle principali contingenze sociali e politiche.
Non sono dunque mancati gli esperti di calibro internazionale, come l’ingegnere Harper Reed, il guru informatico che ha gestito la campagna presidenziale 2012 di Barack Obama.
Durante il suo keynote speech tenuto alla Sala dei Notari, Reed si è soffermato sull’importanza del web nell’ottica di risparmio delle risorse durante una campagna elettorale. Sotto la stessa chiave di lettura, non è stato sorprendente apprendere dallo stesso “hacker buono” (come più volte si è autodefinito) che in Italia il fenomeno del Movimento cinque stelle sia stato sottovalutato proprio nell’aspetto relativo alla progressione della comunicazione politica in rete.
Passando alle questioni di rilevanza internazionale, tra i tanti meeting si è contraddistinto, sia per il peso politico che per i contenuti affrontati, l’appuntamento dedicato alla questione israelo-palestinese, a cui hanno partecipato Zouhrir Louassini di Rai News, Ahmad Rafiq Awad dell’Università al-Quds, Meron Rapoport di Channel 2, Gigi Riva dell’Espresso e Alessia Schiaffini di Rai 3. Intorno alla storica decisione dell’Onu di annettere la Palestina in qualità di Stato osservatore non membro, i relatori si sono confrontati sui possibili sviluppi legati all’implementazione dell’unica e ormai inevitabile soluzione, riassumibile nel paradigma di “due popoli e due Stati”.

Non sono inoltre mancati gli incontri specialistici sulle tecniche e sugli approcci metodologici del fare giornalismo. Con l’aiuto di Anna Tonelli, i due esegeti dell’informazione Gigi Riva (caporedattore Esteri a “L’Espresso) e Michele Smargiassi (inviato de “la Repubblica” ed esperto di fotografia) hanno dedicato agli studenti un “briefing all’aperto” improntato sull’attendibilità ingannevole della fotografia come fonte di rappresentazione della realtà. Sempre grazie alla professoressa Tonelli, gli studenti hanno colto l’opportunità di incontrare Giuseppe Smorto, condirettore dell’edizione online di Repubblica.it.

Giacomo Fidelibus (Redazione Studenti), Vittorio Pasteris e la prof.ssa Anna Tonelli

Giacomo Fidelibus (Redazione Studenti), Vittorio Pasteris e la prof.ssa Anna Tonelli

Sullo stesso format si è svolta la conversazione all’aperto con il professore Vittorio Pasteris, esperto di editoria e comunicazione multimediale. L’attenzione della discussione, spostata sul circuito contorto tra web e democrazia, ha acceso uno scambio di idee sull’evoluzione del Movimento cinque stelle e sul contributo dei due “babbi”, Grillo e Casaleggio, sull’organizzazione contemporaneamente verticale e partecipata del neonato network politico.
Sempre all’insegna di un profilo di confronto informale, decisamente interessante e ricco di spunti è stato il ritrovo serale previa aperitivo con Steffen Konrath, direttore del progetto Liquid Newsroom, e Antonio Casilli, professore associato di Digital Humanities presso il Paris Institute of Technology (Paris Tech). Insieme ai due esperti di relazioni digitali il gruppo di studenti ha affrontato le tante sfaccettature pertinenti al citizen journalism e al nesso indissolubile legato alla simultaneità delle notizie e alla qualità dell’informazione.
Tra gli altri incontri degni di citazione, è opportuno segnalare l’interessante pranzo avuto con il professor Giovanni Ziccardi, giurista e autore della pubblicazione “Hacker. Il richiamo della libertà” e l’avvocato Matteo Jori, entrambi osservatori dell’Osservatorio Europeo sulle Tecnologie e i Diritti Umani.
A margine di tutti gli incontri e degli speech realizzati, va chiosata una valutazione negativa per quanto riguarda la conferenza stampa del 27 aprile coordinata da Giuseppe Cruciani di Radio 24, Filippo Facci e David Parenzo. L’idea iniziale di costruire un punto di raffronto critico e partecipato sui vari fatti d’attualità è stata disillusa dall’esecuzione di un cabaret pseudo-comico che, nel peggior stile italico, non ha offerto contenuti pregevoli, se non quello di dissacrare in maniera irriverente gli interventi del pubblico. Si è persa più di un’occasione, verrebbe da dire.
In conclusione, il bilancio della due giorni può sinteticamente ritenersi positivo. Come asseriva in una delle sue massime François de La Rochefoucauld “Per conoscere bene le cose, bisogna conoscerne i particolari; e siccome questi sono quasi infiniti, le nostre conoscenze sono sempre superficiali e imperfette.” Non limitarsi alla superficialità dell’evento, ma cercare in maniera costante la verità interpretativa.

a cura di Giacomo Fidelibus (Redazione Studenti)

 

Comments are closed.

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011