Migrazione di donne e uomini e dei loro saperi
6 giugno, primo giovedì con le ricercatrici precarie alla Corte di Battista

4 giugno 2013  |  di  |  Pubblicato in Eventi, Home page Uniurb

Parte giovedì 6 giugno (sala del Maniscalco, ore 21) alla Corte di Battista, la serie di tavole rotonde dove le ricercatrici “precarie“ dell’Ateneo discuteranno con la cittadinanza sui temi delle loro ricerche abbracciando argomenti di grande attualità. Primo appuntamento con le ricercatrici Athanasia Andriopoulou e Maria Elisa Montironi, alle quali abbiamo chiesto una breve anticipazione di quello che sarà il loro intervento:

Athanasia Andriopoulou, Le “nuove” generazioni di cittadini. Quali diritti?”

Il verbo “cambiare” spaventa, perché sottintende la necessità di lasciare il vecchio per dare spazio al nuovo, mettere in discussione il conosciuto per muoversi verso qualcosa di sconosciuto. Il senso dell’ignoto rappresenta da sempre, per l’uomo, la paura maggiore. Ma noi, che viviamo nell’era dell’irrefrenabile e continuo movimento, nell’era della globalizzazione, delle migrazioni e della crisi dei sistemi, auspichiamo nel paradosso, nell’impossibile: rimanere immutati, barricandoci nelle roccaforti di credenze e dogmi sociali obsoleti, superati, inefficaci. Ad oggi, l’unico risultato ottenuto è quello di aver escluso una fetta della società, quella più dinamica e feconda, dal diritto alla dignità, dal diritto di sognare il proprio futuro. Un antico proverbio cinese diceva: “Quando soffiano i venti del cambiamento, qualcuno costruisce muri, altri costruiscono mulini a vento”.

Maria Elisa Montironi, Dallo Shakespeare inglese allo Shakespeare mondiale

Prendendo le mosse da una breve descrizione dell’eccezionale – e apparentemente infinito − successo di William Shakespeare, in Inghilterra e nel mondo, si prenderanno in esame alcuni adattamenti e alcune riscritture delle sue opere in lingue diverse dall’inglese, appartenenti ad epoche differenti (dal XVIII secolo al presente). Tali testi saranno analizzati sottolineando il loro essere, al contempo, atti estetici e atti politici, fortemente implicati e funzionanti nei relativi contesti storici, culturali e sociali.

Protagoniste dunque le ricercatrici “precarie“ dell’Ateneo che, con il contributo di alcuni docenti dell’Ateneo e il pubblico attento, animeranno le quattro tavole rotonde.

Parteciperanno, alla tavola rotonda del 6 giugno, con il loro contributo i docenti Giorgio Calcagnini, Laura Baratin e Laura Chiarantini, delegato per il Rettore alle Pari Opportunità nonché responsabile del progetto.

L’evento, che proseguirà nei successivi giovedì (13, 20, 27), è organizzato dall’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo e dall’Assessorato Pari Opportunità del Comune di Urbino.

Per visionare il programma clicca qui

Comments are closed.

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011