I “Toccafondo” vanno a ruba
A grande richiesta i manifesti della campagna di comunicazione dell’Ateneo

13 giugno 2013  |  di  |  Pubblicato in Home page Uniurb, In evidenza (A)

A un mese dalla presentazione della campagna di comunicazione 2013/2014, i “Toccafondo” così li ha battezzati l’Ufficio Relazioni Pubbliche dal nome dell’artista che ha ideato l’immagine (Gianluigi Toccafondo, progetto kaleidon), stanno andando completamente a ruba.

Mai come ora studenti, docenti, personale tecnico amministrativo e società civile, hanno manifestato un così grande interesse alla campagna di comunicazione dell’Ateneo.

I manifesti 70 x 100 non solo scompaiono dalle bacheche dei Dipartimenti ma sono richiesti quotidianamente all’Ufficio Relazioni Pubbliche.

“E’ un vero piacere vedere come i ragazzi reagiscono di fronte a quest’immagine. Tiziano Mancini, responsabile dell’Ufficio aggiunge: “Non solo si riconoscono studenti provenienti da corsi diversi ma chiedono anche se vi è altro materiale come segnalibri, agende, gadget vari della stessa linea”.

A breve, le bellissime tavole dipinte da Toccafondo  le potremo ammirare nei centri e nelle periferie delle città marchigiane e italiane, nelle principali stazioni ferroviarie dell’Adriatico. Viaggeranno sui bus nella tratta Pesaro – Urbino e Pesaro – Cattolica. Saranno advertising di quotidiani delle Marche, dell’Emilia Romagna e della Puglia. Le vedremo online sul sito d’Ateneo e sui principali social network.

La campagna di comunicazione 2013 – 2014 è presente nel sito http://abc.uniurb.it nel quale è stato caricato anche un filmato che mostra meravigliosamente la bellezza di questo lavoro firmato da Toccafondo.

 

Comments are closed.

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011