Al via domani il Festival del giornalismo culturale, 2° edizione
25, 26, 27 aprile 2014. Con Beppe Severgnini e altri importanti ospiti. Presentato il ricco programma in Regione

24 aprile 2014  |  di  |  Pubblicato in Home page Uniurb, In evidenza (A), Slider, Università

Al via domani 25 aprile il Festival del giornalismo culturale, 2° edizione, il cui ricco programma è stato presentato ieri in Regione in conferenza stampa dall’assessore regionale alla Cultura, Pietro Marcolini e dai direttori del festival  Lella Mazzoli e Giorgio Zanchini.

Dove cercano le informazioni culturali gli italiani, cosa si intende per Cultura in senso lato e il ruolo degli intellettuali nella divulgazione delle informazioni culturali, in considerazione del fatto che oggi la ricerca di cultura è legata ormai indissolubilmente ai viaggi, al turismo culturale e all’enogastronomia e come tale viene concepita dalla maggioranza dei connazionali. A queste riflessioni e a molti altri stimoli di dibattito, come l’economia della Cultura o un’identità culturale Europea, si orienta la 2° edizione del Festival del giornalismo culturale  di Urbino.

Sarà Beppe Severgnini, editorialista del Corriere della Sera, opinion writer per The New York Times, con la Lectio “La vita è un viaggio (e gli italiani viaggiano soli)” ad aprire, venerdì 25 aprile la tre giorni del  Festival. Tre giorni, appunto  di incontri, lectio, dibattiti e confronti con giornalisti, scrittori e accademici provenienti dall’Italia e dall’estero, chiamati a discutere di informazione culturale.

“La Direzione del Festival ha saputo creare attorno a questo evento un’accolita di personalità esperti e giornalisti tra i nomi di maggior rilievo nel panorama nazionale – ha evidenziato l’assessore Marcolini – e sono sicuro che sarà un momento di importantissima crescita culturale che parte dalle Marche. Ciò che osservo -  ha proseguito – è che un’informazione spalmata e diffusa dai mezzi di informazione e quindi “consumata” sulle specifiche iniziative culturali penalizza invece  – tranne poche eccezioni – un’informazione sulle politiche culturali in senso stretto e come queste incidano anche sull’economia dei territori. Ecco, il Festival del Giornalismo di Urbino con il taglio organizzativo scelto ha anche il pregio di supplire a questa carenza, dedicando spazio di riflessione  a questo aspetto.”

“Tutti gli aspetti della cultura – ha detto Lella Mazzoli –  saranno presenti al Festival grazie ad una collaborazione felice e strategica  tra Università, Scuola di Giornalismo (IFG) e Sovrintendenza dei Beni Storici delle Marche. Urbino è infatti l’unione indiscussa tra Palazzo Ducale, Università e istituto per la formazione al Giornalismo. E’ dunque un onore che il Festival nasca dalla sinergia di queste tre realtà straordinarie. E sono molto grata alla Regione e a Pietro Marcolini per il sostegno convinto che ci ha offerto e per il contributo di un suo intervento al Festival. Inviteremo gli ospiti a riflettere sul rapporto tra l’informazione e il paese reale, tra la cultura e la società civile. In particolare, a rispondere ad alcune domande fondamentali: di cosa dovrebbe occuparsi l’informazione culturale nell’Italia di oggi e quanto il giornalismo culturale può contribuire allo sviluppo del Paese”.

“Il nostro obiettivo – ha evidenziato infatti  Giorgio Zanchini -  è quello di creare un rapporto facile e felice con il territorio. I nostri ospiti divulgheranno contenuti in modalità “popolare”, alternati a momenti di profonda riflessione. E’ vero che si parla poco  di economia della cultura e l’informazione per la cultura può fare molto per rompere quella linea di declino ormai ventennale che riguarda il nostro Paese. Non dimentichiamo che l’Italia ha un tasso di preparazione culturale tra i più bassi d’Europa. Non è un caso che i Paesi afflitti da una bassa crescita economica siano gli stessi con un basso indice di lettori. Ecco che i nostri ospiti saranno allora preziose fonti di esperienza  per parlare di cultura alta, per raccontare e riflettere su temi importanti a un pubblico variegato e più ampio possibile”.

Con Beppe Severgnini ci saranno Lucio Battistotti, Marco Belpoliti, Giovanni Boccia Artieri, Giovanni Bogliolo, Raffaele Brancati, Stefano Ciotti, Anna Maria Chiuri, Derrick de Kerckhove, Pietro Del Soldà, Michele De Mieri, Raffaella De Santis, Isabella Donfrancesco, Piero Dorfles, Renata Giannella, Eric Jozsef, Giuseppe Laterza, Anna Longo, Mariarosa Mancuso, Pietro Marcolini, Luigi Mascheroni, Armando Massarenti, Luca Mastrantonio, Italo Moscati, Massimiliano Panarari, Davide Paolini, Marco Pivato, Stefano Pivato, Christian Raimo, David Riondino, Alberto Saibene, Marino Sinibaldi, Flavio Soriga, Elena Stancanelli, Alessandra Tarquini, Alessio Torino, Wu Ming 2, Alessandro Zaccuri, Simone Zanchini.

Il festival privilegerà come lo scorso anno l’incontro diretto e il dibattito attivo con il pubblico  in alcuni dei luoghi simbolo della città: Palazzo Ducale, Legato Albani e Teatro Raffaello Sanzio.

Il ricco programma è consultabile qui

www.festivalgiornalismoculturale.it

Comments are closed.

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011