Religione e filosofia: scontro o dialogo?
Armando Savignano incontra gli studiosi di Urbino. Il 7 ottobre a Palazzo Albani

6 ottobre 2014  |  di  |  Pubblicato in In evidenza (B)

Miguel de Unamuno, poeta, filosofo,scrittore, drammaturgo e politico spagnolo di origini basche è al centro dell’ultimo volume di Savignano (Bompiani, 2014)

Armando Savignano, ordinario di filosofia morale all’Università di Trieste, fra i massimi esperti internazionali della filosofia spagnola, sarà a Urbino, martedì 7 Ottobre alle ore 16 (Aula «P. Salvucci» di Palazzo Albani) per presentare il suo ultimo volume, edito da Bompiani, M. De Unamuno: filosofia e religione e per affrontare un tema quanto mai attuale e pressante per ogni essere umano: quello tra filosofia e religione, ovvero tra fede e ragione. Un rapporto che può essere un dialogo magari acceso ma costruttivo, o è destinato ad alimentare continue polemiche e divisioni nette? L’Ateneo urbinate ha impegnato alcuni fra i suoi studiosi più autorevoli in un confronto aperto e dialogante con Armando Savignano, ossia: Piergiorgio Grassi, illustre filosofo e teologo, Domenico Losurdo (professore emerito di storia della filosofia) e Paolo Ercolani, da anni studioso delle tematiche che chiamano in gioco il rapporto tra ragione e fede. L’auspicio degli organizzatori, lo stesso Ateneo di Urbino e il Dipartimento di Scienze dell’uomo diretto dalla professoressa Nicola Panichi, è quello di poter coinvolgere questi studiosi e il pubblico di docenti, studenti e cittadini in un confronto interessante e suggestivo, in cui le differenti posizioni possano produrre comunque conoscenza e desiderio di formarsi un’opinione propria. Ingresso libero

 

Comments are closed.

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011