Lingua e Cultura Italiana per detenuti stranieri, attestati finali
La consegna nel carcere di Montacuto nell’ambito del progetto Diritti e Integrazione Linguistico - Culturale

13 ottobre 2014  |  di  |  Pubblicato in Fuori Urbino

Tanta partecipazione alla consegna degli attestati finali del corso di Lingua e Cultura Italiana per detenuti stranieri, promosso presso il carcere di Montacuto nell’ambito del progetto Diritti e Integrazione Linguistico – Culturale, grazie ai fondi stanziati dal Comune di Ancona (Settore Politiche sociali e Servizi scolastici) e dal Dipartimento di Studi Internazionali (Scuola di Lingue) dell’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Alla consegna era presente il professore Bryan Cracchiolo, docente di Italianistica presso la State University of New York (New Paltz), che si è detto colpito da questo virtuoso esempio di collaborazione tra ricerca e territorio. Il progetto, diretto dalla professoressa Antonella Negri e coordinato da Maria Elisa Montironi dell’Università di Urbino, è stato condotto dai docenti Marco Manzo e Daniele Oreficini, entrambi alumni del master “Insegnare Italiano a Stranieri: Scuola, Università, Impresa” (Urbino) e ha trattato principalmente il tema della cultura culinaria, non solo italiana, ma di tutti i Paesi di provenienza dei corsisti, nell’ottica di un confronto cross-culturale. Il risultato si intitola Ricette da dove non ti aspetti. Piatti multiculturali e ricette di vita dalla casa circondariale di Montacuto, la cui pubblicazione è prevista entro il mese di ottobre.

Nella foto (da sinistra): Bryan Cracchiolo (SUNY, New Paltz), Daniele Oreficini, Marco Manzo, Maria Elisa Montironi (Uniurb)

“Secondo i dati forniti dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, aggiornati al 31 ottobre 2013, attualmente gli stranieri presenti nelle strutture penitenziarie italiane costituiscono il 35,1% della popolazione carceraria totale”. Gli organizzatori del corso di Urbino di Lingua e Cultura Italiana per detenuti stranieri sottolineano che: “Come si può ben immaginare, nella quotidianità della vita carceraria tale dato è gravido di conseguenze. Per gli operatori carcerari, infatti, è complesso comunicare con i detenuti non italofoni. I detenuti stranieri, al contempo, non riescono ad esprimere le loro esigenze, tendono ad avere una bassa motivazione alle attività formative e ricreative promosse dal carcere e più in generale all’integrazione nel contesto in cui vivono, così come una bassa consapevolezza dei servizi di supporto offerti dalle strutture pubbliche all’interno e all’esterno del carcere. Proporre, nelle strutture penitenziarie un corso di lingua e cultura italiana (L2), in cui le culture di provenienza dei corsisti vengono valorizzate, si presenta come un primo passo verso la risoluzione di tali difficoltà, nell’obiettivo di ottenere una sorta di riorientamento del detenuto sia su un piano culturale che sociale. Si tratta di un’operazione efficace anche per il Paese, in quanto ciò, secondo alcuni studi statunitensi, porterebbe ad una diminuzione del tasso di recidiva, proprio per l’acquisizione interiore di un volontario stile di vita che ambisce ad un’integrazione non imposta, ma voluta”.

Comments are closed.

Seguici su Twitter…

Social Media

Guida ai servizi

University of Urbino su LinkedIn


UniurbPost - Online Magazine dell'Università di Urbino Carlo Bo 2017 © Tutti i diritti sono riservati
UniurbPost | Online Magazine dell'Università degli Studi di Urbino Carlo Bo
Direttore responsabile | Direttore editoriale
Credits → Registrazione presso il Tribunale di Urbino n. 231 del 14 luglio 2011